BENVENUTO   ACCEDI   REGISTRATI
lista dei desideri Lista dei desideri (0)   separetor   la mia bibliotheka La mia Bibliotheka (0)   separetor   carrello Carrello (0)
logo
Il diario dell'attesa

Il diario dell'attesa

di Maria Trionfi

Collana: Narrativa
Genere: Diario
Lingua: Italiano
Pubblicato: 02/12/2013



Libro: € 19,00

book
Formato: 14x21
Pagine: 496
ISBN: 9788898801022
eBook: € 6,99

ebook
Formato: ePub
Dimensioni: 1,7 Mb
ISBN: 9788898801039
Per raccontare questo libro dobbiamo partire da lontano. Verso la fine della II Guerra Mondiale, quando le sorti dell’Asse (Berlino - Roma - Tokyo) si capovolsero, cominciò la discesa verso la disfatta. Il 9 luglio 1943 gli alleati sbarcarono in Sicilia e il 25 luglio dello stesso anno il Gran Consiglio del Fascismo decretò la sua fine. Mussolini venne arrestato e sostituito da Pietro Badoglio che, il 3 settembre 1943, firmò segretamente l’armistizio nella cittadina di Cassibile in Sicilia: è l’atto con il quale il Regno d’Italia cessò le ostilità contro le forze anglo-americane alleate, nell’ambito del II conflitto bellico. Gli italiani volevano la fine della guerra, ma nessuno diede al popolo e all’esercito le indicazioni per affrontare la nuova situazione. I tedeschi occuparono l’Italia centrale e settentrionale e il 12 settembre liberarono Mussolini. Hitler consentì al Duce di fondare nel nord la Repubblica Sociale Italiana, con sede a Salò. Ora l’Italia era divisa in due. Ed anche le famiglie furono separate: figli e mariti a combattere sui monti, nei lager, nelle prigioni e le mogli a combattere nelle case, nei paesi, nelle città. 
In questi due volumi, alla data dell’8 settembre, la signora Fedora Brenta Brcic racconta la sua “guerra” a Roma fra bombardamenti, rastrellamenti, borsa nera e scarse notizie del marito, mentre l’Ammiraglio Emilio Brenta, a sua volta, nella sua relazione, racconta quello che avvenne a Venezia in quella stessa data nonché, a causa della sua opposizione ai tedeschi, la prigionia nel lager 64/Z di Schokken (attuale Skoki) in Polonia. In definitiva è proprio la storia di una famiglia che, a causa della guerra, si trova separata in due diverse nazioni d’Europa.
Ciascuno dei due componenti racconta le sue difficoltà, le vicissitudini, le amarezze di quel periodo.
Un racconto che si concluderà con un finale tanto inaspettato quanto commovente.
Maria Trionfi è nata a Roma il 4 aprile 1934. Ottenuto il diploma di Liceo Classico presso l’Istituto Marymount di Roma frequenta, dal 1953 al 1955, la Facoltà dell’Università di Lettere. Nel 1955, in qualità di orfana di guerra, viene assunta senza concorso al Ministero degli Affari Esteri. Nel 1958 sposa Pier Luigi Sernesi e nel 1961, per la nascita del primogenito Pier Giorgio, dà le dimissioni dal Ministero. A Pier Luigi seguiranno le figlie Raffaella (1964) e Marzia (1968). Dal 1974 frequenta l’Università di Psicologia dove si laurea nel 1979 e, nella stessa data, rientra al Ministero degli Affari Esteri. Nel 1982 viene trasferita a Baghdad in missione e lì vi rimane alcuni mesi. Nel 1984 (anno della separazione dal marito dal quale divorzierà nel 1992) viene destinata all’Ambasciata d’Italia a Nicosia (Cipro) e vi rimane fino al 1990, mentre dal 1990 al 1993 ricopre lo stesso incarico presso l’Ambasciata di Addis Abeba (Etiopia). Dal 1993 al 1995 viene destinata al Consolato Italiano di Edimburgo (Scozia) per poi rientrare in Italia, riprendendo servizio presso il Ministero degli Affari Esteri fino al 1996. Dal 1996 al 2001 viene destinata all’Ambasciata Italiana di Belgrado, per poi venire trasferita a Tirana (Albania) a causa della guerra in atto contro la Jugoslavia. Nel 2001 rientra definitivamente in Italia e sposa Boris Blagojevic. Dal 2007 lavora come volontaria presso l’A.N.E.I. (Associazione Nazionale Ex Internati) presso la cui casa editrice pubblica, nel 2004, “Il Generale Alberto Trionfi - Scritti e memorie dalla Grecia al Lager - Un delitto delle SS”.

VALUTAZIONE MEDIA

5 in base alle valutazioni di 1 lettori
 
(1)
 
(0)
 
(0)
 
(0)
 
(0)

SCRIVI LA TUA RECENSIONE





La tua valutazione:

Il Bibliothekario, qualora dovesse ritenere inappropriati i contenuti, può non pubblicare la tua recensione.


il diario dell'attesa
 
a cura di Maria L.
10.mar.2014

Ottima presentazione e sinossi, , preziose informazioni aggiuntive biografiche e storiche. Per me un libro di particolare interesse, che scorre via mantenendo viva l'attenzione. E' stato il mio primo ebook e l'ho potuto scaricare sul mio computer e leggere senza alcuna difficolta'.Un libro da leggere e conservare, perche' racconta storie vere che non dovrebbero mai essere dimenticate.


Libri Collegati