BENVENUTO   ACCEDI   REGISTRATI
lista dei desideri Lista dei desideri (0)   separetor   la mia bibliotheka La mia Bibliotheka (0)   separetor   carrello Carrello (0)
logo
Carlo, Maria e il mare di Sicilia

Carlo, Maria e il mare di Sicilia

di Filippo Piccione

Collana: Narrativa
Genere: Romantico
Lingua: Italiano
Pubblicato: 15/12/2014

condividi


Libro: € 12,00

book
Formato: 15x21
Pagine: 200
ISBN: 9788869340215
eBook: € 3,99

ebook
Formato: ePub
Dimensioni: 3,8 Mb
ISBN: 9788869340222

Alcune storie d’amore iniziano, si interrompono, riprendono e, alla fine, forse per inevitabilità, forse a causa delle onde del destino, vedono la loro fiamma spegnersi definitivamente.
La storia di Carlo e Maria è una di queste. Una storia che inizia nei primi anni ’80 e prosegue, attraverso il flusso ininterrotto della memoria e dei ricordi, per circa un ventennio.
Anni che si susseguono implacabili, come un album di fotografie da sfogliare che vede i protagonisti cambiare, crescere, maturare, come un film che snoda la sua trama verso il futuro.
Carlo, Maria e il mare di Sicilia è un romanzo che parla d’amore. Ma non solo. Filippo Piccione non guarda solo al particolare, ma riesce a cogliere l’universale, la storia con la S maiuscola, a far confluire nel privato gli snodi fondamentali che hanno segnato l’ultimo ventennio della nostra Penisola.
Ecco allora che protagonisti diventano, anche e soprattutto, la Sicilia con le sue contraddizioni, una terra ricca di contraddizioni e meraviglie, di contrasti ed incanti, di anomalie e slanci vitali; ma anche lo stivale, un Belpaese che di bello, ormai, ha ben poco.
La fotografia che l’autore scatta del nostro Paese non è mai sgranata o fuori fuoco, ma lucida ed impietosa: lacerato dai conflitti interni, massacrato dalle istituzioni pubbliche e politiche, schiavo della criminalità organizzata, inerme davanti alla dilagante violenza che la attraversa, incerto nel seguire la strada del progresso o quella dei retaggi culturali più retrivi.
L’unione fra la dimensione intima e pubblica rende il romanzo di Filippo Piccione un’opera rara: cronachistica e analitica da una parte, struggente e malinconica dall’altra. Un quadro iperreale sulla vita, le occasioni perse e quelle ritrovate, sul tempo che sfugge, sui ricordi ed i rimorsi, le frasi non dette e quelle che sarebbe stato meglio tacere.

 
Autore del libro Il bracciante di Berbero di Marsala, è costretto a interrompere la scuola dopo la licenza elementare per aiutare prima il padre nei campi e poi per fare il bracciante agricolo come giornaliero nei feudi di Marsala. Ha ripreso gli studi durante la leva militare da privatista, conseguendo la licenza media. Entrato nelle Poste come fattorino telegrafico, procede negli studi e si diploma ragioniere. Successivamente prende la Laurea in Economia e Commercio e vince il concorso di funzionario di Gruppo A al Ministero del Tesoro e, dopo aver conseguito anche la Laurea in Giurisprudenza, diventa dirigente della Giustizia. Conosce una ragazza che sposa della quale racconterà la vita nel romanzo citato; ragazza che, in seguito, diventerà madre dei suoi figli. Di recente ha pubblicato una raccolta di racconti dal titolo Strada Statale 115, km 36.

VALUTAZIONE MEDIA

in base alle valutazioni di 0 lettori
 
(0)
 
(0)
 
(0)
 
(0)
 
(0)

SCRIVI LA TUA RECENSIONE





La tua valutazione:

Il Bibliothekario, qualora dovesse ritenere inappropriati i contenuti, può non pubblicare la tua recensione.



Libri Collegati